La cannabis come droga

"Tesoro, sono così strano ...", ha respirato negli anni settanta, il cantante austriaco Georg Danzer nel microfono. E sospettò immediatamente l'hashish nell'uovo di cioccolato. Ciò che era negli anni '70 non solo nell'uovo di cioccolato, ma anche nei biscotti e nel tè, è ancora oggi molto richiesto. Secondo un rapporto del Narcotic Drugs Control Council delle Nazioni Unite, la cannabis è anche la droga illecita numero uno in Germania.

La concentrazione è aumentata fortemente

Oltre al forte aumento della cannabis Kosum, gli esperti di dipendenza sono preoccupati per la concentrazione della sostanza che crea dipendenza. Mentre la concentrazione del tretraidrocannabinolo (THC) intossicante negli anni settanta era del 2%, oggi è del 25%. La cannabis non è affatto una droga innocua. Tuttavia, sempre più occidentali stanno allevando illegalmente la canapa per soddisfare i loro bisogni di droga.

In Germania, l'uso della cannabis per l'automedicazione o per scopi di piacere è proibito. Dal 1983, il nabilone, un derivato sintetico del THC, dal 1998 il dronabinolo della droga della cannabis (THC) può essere prescritto dai medici ai sensi della legge sugli stupefacenti.

Mentre i pro e i contro della legalizzazione della cannabis sono discussi tra politici, scienziati sociali ed esperti di salute, il tribunale amministrativo di Colonia ha ora respinto la richiesta di cinque pazienti affetti da malattie come l'AIDS, la sclerosi multipla o il morbo di Crohn. Volevano ottenere un permesso speciale per la coltivazione della cannabis in tribunale dall'Istituto federale per la droga e i dispositivi medici.

Questo istituto di solito decide sulla coltivazione o l'acquisizione di cannabis per scopi scientifici o altri scopi pubblici. Tuttavia, secondo la Corte, tale condizione non esiste nel caso dei malati cronici in questione. Ciò significa che anche ai pazienti critici non è ancora permesso coltivare o comprare cannabis per i loro scopi terapeutici.

Ampia gamma di applicazioni possibili

La conoscenza medica dei vari usi della cannabis è molto varia. Per la nausea e il vomito nella chemioterapia del cancro, sono assicurate la perdita di appetito ed emaciazione nell'HIV / AIDS e la spasticità nella sclerosi multipla e nelle malattie trasversali. In altre malattie come l'epilessia, i disturbi del movimento e la depressione, tuttavia, l'evidenza è relativamente scarsa.

Tuttavia, non vi è alcuna mancanza di segnalazioni di esperienze da parte di utenti illegali - gli studi scientifici con un disegno di studio comprensibile, tuttavia, sono disponibili solo per pochi casi con numeri di partecipanti studio bassi. Indaga sul modo di azione dei singoli cannabinoidi, cioè sui derivati ​​sintetici, e molto meno sull'effetto dei cosiddetti preparati vegetali interi, ovvero la marijuana affumicata o l'estratto di cannabis capsulato.

Per caso, quando ha studiato l'effetto di aumento dell'appetito del THC nei pazienti con malattia di Alzheimer nel 1997, non è stato solo aumentato l'appetito e il peso, ma anche diminuito il comportamento confuso. L'effetto di stimolazione dell'appetito è stato anche dimostrato in uno studio a lungo termine su 94 pazienti nell'arco di sei settimane. Inoltre, i pazienti sono stati in grado di mantenere il loro peso per 7 mesi o più. Ugualmente coincidente è stata la scoperta che alcuni dosaggi di cannabis riducono la pressione intraoculare, che è adatta per i pazienti affetti da glaucoma.

Maestro nausea e vomito

Oltre agli effetti desiderati, il trattamento con il principale THC attivo di cannabis deve sempre tenere conto degli effetti collaterali indesiderati. Questa esperienza è stata fatta negli anni '80, quando la cannabis era ampiamente usata e studiata scientificamente per alleviare gli effetti collaterali della terapia del cancro. Il THC era una dose relativamente alta, quindi molti pazienti soffrivano di effetti collaterali psicologici.

Negli Stati Uniti, è stato approvato già nel 1985 come agente antiemetico dalla Food and Drug Administration (FDA). Aiuta anche nei singoli casi anche se altri rimedi per il vomito falliscono o se i loro effetti collaterali sono intollerabili.

Effetto positivo su convulsioni e spasmi

Nei pazienti con paraplegia e sclerosi multipla, studi più piccoli hanno scoperto che i prodotti di cannabis hanno un effetto positivo sulle convulsioni e gli spasmi. Inoltre, la somministrazione di cannabis è stata utile per sintomi quali dolore, disagio e tremori. Tuttavia, nonostante occasionali segnalazioni individuali positive, questo effetto non poteva ancora essere confermato per i pazienti con Parkinson.

Gli studi sull'effetto della cannabis nei pazienti con sindrome di Tourette sono promettenti. Mentre la maggior parte dei pazienti mostra pochi miglioramenti, alcuni pazienti hanno un controllo dei sintomi straordinariamente buono e talvolta completo.

Nei pazienti affetti da epilessia, la cannabis è stata storicamente dimostrata come una cura. L'effetto antiepilettico di alcuni prodotti a base di cannabis è stato dimostrato in esperimenti sugli animali, nonché il fatto che il THC ha potenziato l'effetto corrispondente dei farmaci esistenti.

Difficoltà con il dosaggio

La cannabis deve essere dosata individualmente e in modo molto diverso a seconda della particolare malattia. I medici e gli scienziati raccomandano quindi un dosaggio "strisciante", quindi il lento aumento della dose. Nei Paesi Bassi, le aspettative associate al rilascio di cannabis non sono state soddisfatte. Lì, il governo è stato il primo paese a concedere in licenza la cannabis per scopi sanitari.

Tuttavia, i coffee shop olandesi che vendono cannabis si stanno rivelando un forte concorrente delle farmacie. Ecco i prezzi per 5 grammi di cannabis a circa 10 €, mentre la sostanza in farmacia costa dai 44 ai 50 euro. Le autorità olandesi mettono in guardia dallo shopping nei caffè, perché la qualità offerta non soddisfa i requisiti medici.

Cannabis & Co. nella legge sugli stupefacenti

Le leggi tedesche distinguono cinque gruppi di sostanze in termini di uso medico. Tre gruppi sono disciplinati dalla legge sugli stupefacenti e sono disciplinati negli allegati da I a III. Questi includono THC (dronabinol) e cannabis.

  • Le sostanze che fanno parte dell'Appendice I del Narcotics Act sono illegali. Sono "non soggetti a prescrizione" e "non commerciabili" come eroina, psilocibina, cannabis e LSD. Un'eccezione a questo divieto generale "può essere emessa solo eccezionalmente dall'Istituto federale per le droghe e i dispositivi medici a fini scientifici o di altro genere di interesse pubblico".
  • Le sostanze dell'allegato II non sono prescrittive ma sono commerciabili. Ciò significa che le farmacie possono produrre e acquistare sostanze di cui all'allegato II, ma non possono consegnare ai pazienti. Molte delle sostanze dell'allegato II sono precursori di sostanze dell'allegato III come l'isometadone e il diidromorfone.
  • Le sostanze incluse nell'allegato III possono essere dispensate solo su una prescrizione speciale, una cosiddetta prescrizione di stupefacenti. Questi farmaci comprendono morfina, cocaina, oppio, petidina, metadone, ecc. Dal 1983, il nabilone derivato del dronabinolo sintetico si trova nell'appendice III. Dronabinol (THC) è stato prescritto su una formula narcotica dal 1998. Narcotici possono essere prescritti da qualsiasi medico.

Altri due gruppi di farmaci non sono regolamentati dalla legge sugli stupefacenti. Ci sono i farmaci da prescrizione e i farmaci non soggetti a prescrizione. I farmaci da prescrizione, come i sonniferi, devono essere prescritti da un medico su prescrizione regolare. I farmaci senza prescrizione possono essere acquistati senza prescrizione medica in farmacia. Inoltre, alcuni farmaci non sono prescritti, ma solo in farmacia: possono essere ottenuti solo da una farmacia.

Загрузка...

Video: come comprare droga a lisbona (Novembre 2019).

Загрузка...

Загрузка...

Categorie Popolari