Carne nella dieta quotidiana

Pin
Send
Share
Send
Send


La carne è sempre stata uno degli alimenti base della gente. Ma mentre i nostri antenati combattevano duramente la carne a caccia, gli animali dovevano soccombere a se stessi, prendere e preparare, oggi raggiunge una maniglia nel banco refrigerato. La carne non è mai stata così a buon mercato e disponibile in tali masse come oggi. Secondo il World Agriculture Report, il consumo globale di carne è più che triplicato negli ultimi 40 anni. Ad esempio, nel 2012, 300 milioni di tonnellate di carne sono finite nelle pentole. Gran parte di questo cade sui paesi industrializzati: ogni tedesco mangia una media di quasi 60 chilogrammi di carne all'anno, gli americani addirittura circa 120 chilogrammi. Secondo gli esperti, questo è troppo.

La carne è sana?

La carne stessa è un alimento importante. Fornisce un sacco di proteine ​​preziose, vitamine e grandi quantità di ferro. Ma a seconda del tipo di carne e del tipo di preparazione si aggiungono troppo grassi, sale, conservanti e talvolta anche antibiotici nella carne. Il risultato di troppa godimento della carne sono spesso malattie legate allo stile di vita come:

  • livello di colesterolo troppo alto
  • obesità
  • gotta
  • malattie cardiovascolari
  • osteoporosi

Inoltre, si sospetta una connessione con le sempre più frequenti malattie come il Parkinson, l'Alzheimer e il cancro. Il risultato: molte persone si astengono dalla carne e diventano vegetariani o vegani o acquistano almeno carne biologica.

Carne biologica come alternativa salutare

Con l'acquisto di carne biologica, siete nella tendenza, perché sempre più allevatori di animali e associazioni di agricoltori optano per l'allevamento all'aperto adatto alle specie, un'alimentazione bilanciata senza farina animale e una rinuncia ai supplementi ormonali o agli antibiotici. La carne biologica può quindi essere giustamente definita salutare, poiché contiene circa il doppio di acidi grassi omega-3 sani, una qualità migliore e senza residui di droghe e pesticidi.

Inoltre, gli scienziati suggeriscono che gli ormoni che gli animali rilasciano in ansia e stress hanno un impatto negativo sul gusto della carne. La felicità che sentono le mucche libere, i maiali e le pecore, può essere letteralmente assaporato.

Dieta con carne

Fondamentalmente, non c'è nulla di sbagliato nel consumo regolare di carne. Tuttavia, non dovrebbe essere più di due o tre volte alla settimana nel menu. Dipende anche da quale tipo di carne viene consumato e se atterra con o senza pelle sul piatto.

Ad esempio, la carne ha un contenuto di grassi relativamente basso dell'8,5% in media. Per il maiale, il filetto ha solo il 2% di grasso, la carne di pancia, tuttavia, oltre il 16%. Il pollame dovrebbe sempre essere mangiato senza pelle. Ad esempio, un pollo arrosto con la pelle ha circa il 9,6% di grasso, senza pelle solo l'1%.

Carne o salsiccia?

In generale, le bistecche, le cotolette e le polpette sono preferibili alla carne lavorata, cioè alla salsiccia. Un recente studio della Harvard School of Public Health di Boston dimostra che consumare 50 grammi di carne lavorata al giorno è sufficiente per aumentare il rischio di diabete del 19% e il rischio di malattie cardiache del 42%.

Secondo lo studio, l'enorme concentrazione di sali da cucina e nitriti nel salame, wieners e Co. è la ragione. Questi sono presumibilmente fattori di rischio per ipertensione e alti livelli di zucchero nel sangue, che a loro volta favoriscono molte altre malattie.

Загрузка...

Pin
Send
Share
Send
Send


Video: Carne e pesce nella dieta - come dosarli? Dr. Paolo Accornero (Ottobre 2022).

Загрузка...

Загрузка...

Categorie Popolari